Archivi del mese: marzo 2009

Convertire un ADPCM in MP3, in linux

Si da il caso che io all’università abbia un professore alieno. Si da il caso che, a causa della sua disumanità, io abbia bisogno di registrare le sue lezioni per poi riascoltarle e integrare gli appunti con la mole di informazioni che non arrivo a scrivere sul momento. Si da anche il caso che io registri con un simpatico lettore mp3 Creative che ha un simpatico vizietto: registrare solo in IMA-ADPCM, una variante del normale WAV PCM. Si da anche il caso, e sottolineo per puro caso, che il convertitore mp3 per antonomasia accetti come input solo il classico WAV.

Ora, sotto tutte queste simpatiche nonchè puramente casuali condizioni, per quale simpatico nonchè casuale motivo il modo di convertire questi sciagurati ADPCM in PCM umani sia sepolto nei meandri della rete? E nemmeno in modo esplicito, ci sono pure dovuto arrivare da solo.. una certa persona di mia conoscenza direbbe che sono io a non saper usare Google, il che, in fondo in fondo, potrebbe anche essere vero.

Ad ogni modo, siccome so che vi piace la pappa pronta tiè, qua c’è il comando da schiaffare sul terminale; usa quello che ho letto essere il coltellino svizzero dell’audio e che a momenti è più vecchio di Linux stesso:

sox  input.wav  -e  signed-integer  output.wav  -V3

Il file che ottenete in output piacerà a Lame che convertirà senza più rompere le scatole con quell’odioso “Unsupported data format: 0x0001” o simile.

Dite al genio che ha deciso di far registrare il lettore in questo formato insulso che la morte verrà all’improvviso, avrà le sue labbra ed i suoi occhi, lo coprirà di un velo bianco addormentandosi al suo fianco.

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: