Disillusioni

Ho sempre ritenuto Il Corsaro Nero uno dei più bei libri che abbia mai letto. Forse perché è stato il mio primo vero romanzo.. in queste cose il valore affettivo conta. Avevo nove anni.

Ricordo l’orgoglio patrio nello scoprire, leggendo, che il Corsaro Nero era il cavaliere Emilio di Roccanera, signore di Valpenta e di Ventimiglia, della casata dei duchi di Savoia, un italiano quindi!

Oggi in questo riesco solo a vedere un omaggio (o leccata?) di Salgari al re Umberto. Toh, il Corsaro si chiama Emilio come Salgari..

Preferivo l’ingenuo orgoglio infantile..

.

p.s.: ..ma il nono capitolo rimane stupendo!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: